Napoli e la città obesa

rifiuti-udc.jpg

La città obesa non è Napoli o la Campania: è sempre stata ai primi posti delle classifiche nazionali per la qualità della vita, un tempo esempio di buona amministrazione e abitata da persone dotate di un buon senso della collettività, del vivere insieme.

Questa città, che non raggiunge i 400mila residenti (non è quindi nè Shanghai, nè New York e nemmeno Roma o Milano) sta discutendo da ventanni come affrontare il problema traffico: metropolitane sotterranee o di superficie, metrotranvie o filobus su gomma, parcheggi scambiatori (spesso sottoutilizzati) e telecamere per rilevare gli accessi al centro storico, corsie dinamiche sulla tangenziale e passanti autostradali.

Risultato: il mezzo pubblico impiega, negli orari di punti, un’ora per un tragitto di tre chilometri scarsi e come a Napoli per i rifiuti, il problema incancrenisce, la colpa è di tutti quindi di nessuno, le soluzioni prospettate immancabilmente avversate.

Di chi è la responsabilità ? Certo contribuiscono, molto, quelli che un tempo erano cittadini esemplari e che oggi usano l’auto per fare shopping o per accompagnare i fanciulli davanti alla scuola o per andare in ufficio. Certo vi sono difficoltà oggettive, ma io credo che una classe dirigente, pubblica, parapubblica e privata che non sa affrontare adeguatamente questi problemi non sia una classe dirigente all’altezza.

La parte politica della classe dirigente della città obesa (selezionata non in base a idee e meriti, ma in base a fedeltà e assiduità di presenza) discute oggi non di questi problemi e di come risolverli, bensì sul fatto che l’Unione sia viva o morta, se il Pd si debba presentare alle elezioni da solo o accompagnato, quali posti vadano occupati da chi facendo apparire il tutto come una procedura democratica.

Sull’altro fronte della barricata non riescono nemmeno, tra un aperitivo e l’altro, a trovare un candidato sindaco credibile, che non sia il fresco Guazzaloca.

Napoli è distante e i rifiuti qui, per adesso, non invadono le strade. Ma il cancro, tenuto conto dei contesti diversi, pare essere lo stesso e la gente, tante volte invocata, è capace solo di rivolte a difesa del proprio particolare, della propria corporazione, della propria ignoranza.

Annunci

2 Risposte to “Napoli e la città obesa”

  1. Nacamulli Says:

    Se volete entrare, VERAMENTE, nella nuova stagione, visitate il mio blog!

    Ciao
    Michele.

  2. Nomadically Says:

    Somehow i missed the point. Probably lost in translation 🙂 Anyway … nice blog to visit.

    cheers, Nomadically
    .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: